marzo 1, 2018

Le biciclettate

“Meno menate più biciclettate”


Un whatsapp ed ecco che si riceve o si fa la proposta ‘pedalata’ per uscire la sera col gruppo OO.

Questo è un modo per conoscere i propri vicini di casa, per poter scendere in strada, incontrare volti amici e finalmente chiamarsi per nome. Il quartiere non è solo fatto di strade e piazzali ma di persone per bene, entusiaste e disponibili.

Pedalo perchè con i nuovi amici di OO abbiamo l’obiettivo comune di vedere il quartiere sano e sicuro dove potersi sedere su una panchina o passeggiare col naso in sù senza dovere il pensiero di doversi tutelare da chi delinque, da chi spaccia, da chi non porta rispetto per le regole mettendo in pericolo altre persone e soprattuto i nostri giovani.

Io pedalo perchè voglio provarci perchè tutti insieme ce la faremo.

Enrica


“Chi voll vaga, chi’n voll dmanda” diceva mia nonna. Tradotto: chi vuole davvero qualcosa si dia da fare, chi non lo vuole davvero chieda ad altri di farlo. Guardate com’è magicamente sintetico il dialetto. Allora pedalo perchè per riavere le strade libere dallo spaccio e dalla paura bisogna andarci in quelle strade. E poi succede anche che ci incontri degli altri che hanno avuto la stessa idea e trovi nuovi amici. E con loro non si fatica a pedalare. Chissà forse anche le nostre nonne erano amiche.

Mariagrazia


Dopo aver partecipato ad un aperitivo sociale all’angolo di via Gulli e ad una biciclettata sono stata subito riconosciuta da chi presidia gli incroci del nostro quartiere con attività illecite (mi hanno indicato il gruppo di  OO dicendomi “I tuoi amici sono là”).

Inizialmente temevo che pedalare per contrastare lo spaccio mi avrebbe esposto a rischi (giro spesso in bici e a piedi da sola anche di sera) ma ben presto mi sono resa conto della forza che un gruppo che condivide valori ed obiettivi mi dava.

Ora conosco persone con le quali condivido un pezzo di vita: anche così possono nascere belle amicizie!

Io pedalo perché INSIEME POSSIAMO RICOSTRUIRE UN QUARTIERE VIVIBILE E SOLIDALE.

Sara